Ecolibera: abitazioni smart, rivolte al futuro. A partire ... dal tetto

Ecolibera

Un progetto sostenibile e smart già in fase di realizzazione: sono in costruzione nei pressi di Milano i primi lotti di ville Ecolibera, presto disponibili su tutto il territorio nazionale   Un sistema integrato e sostenibile che parte dal tetto e garantisce l’autonomia energetica ed economica. Ecolibera significa impianti a energia rinnovabile, ricarica di auto-moto-bici elettriche, autoproduzione alimentare. Un progetto immobiliare smart living che offre varie tipologie abitative, con tecniche tradizionali e in bioarchitettura. Un’area da mettere a rendita  che copre i costi d’acquisto.     

Ecolibera avvia un nuovo concetto di casa moderna e funzionale: impianti integrati a energia rinnovabile ne garantiscono il funzionamento, il riscaldamento e il raffrescamento, la ricarica elettrica di auto, moto e bici e dei nuovi sistemi per l’autoproduzione alimentare domestica.

Grazie a un team di progettisti e di tecnici qualificati, Ecolibera interpreta di volta in volta lo stile architettonico più adeguato al gusto e ai desideri del cliente, in versione di villa singola o bifamiliare. I sistemi costruttivi, disponibili nelle varie tipologie che partono dall’edilizia tradizionale per arrivare alla bioarchitettura in legno-canapa-calce, consentono a ogni abitazione di rispettare il target “Off-grid-ready” e di ospitare fino a 20kWp di pannelli fotovoltaici per produrre l’energia necessaria tutti i giorni dell’anno.

Nella versione in bioedilizia, una casa Ecolibera è in grado di applicare i migliori sistemi bioclimatici per il benessere psico-fisico di chi la abita ed è garantita dalla certificazione CasaClima Gold e dall’adozione dei protocolli Leed.

Ecolibera è un progetto immobiliare rivoluzionario che armonizza le esigenze di sostenibilità integrate con un’innovazione progettuale che parte da un sistema di tetto “attivo”. Una casa Ecolibera è Energy Plus: produce in autonomia più energia di quanto serva per le sue necessità, tanto da consentire di usare il surplus energetico per ricaricare veicoli elettrici e altre funzioni. Il tetto è la parte cruciale di un sistema bioclimatico-attivo: progettato ad hoc per dimensioni, inclinazione e orientamento può ospitare un efficiente sistema di produzione energetica con pannelli fotovoltaici (eventualmente integrati dal solare termico). 

I primi lotti di ville Ecolibera sono in costruzione nell’area di Milano/Lombardia: una villa singola con Spa a Brembio (nel lodigiano, a 20 minuti da Milano), un’altra a Casarile (provincia di Milano, a 10 minuti dalla metropoli), con zona a reddito al piano superiore, e una villa a Cirimido (Como); presto disponibili su tutto il territorio nazionale e con tutte le caratteristiche distintive del progetto.   A proposito di Ecolibera

Il progetto nasce dalla collaborazione tra Ecolibera  -partecipata di Finlibera spa, insieme a Vita Nova- e la piattaforma Milanostanze.it ed è stato creato nel 2013 per avviare un concetto di casa come organismo autosufficiente, capace di sfruttare il sole per produrre energia domestica e per la mobilità elettrica, cibo e acqua calda necessari al supporto vitale di chi la abita. 

Il progetto è uno degli step più significativi raggiunti da Finlibera, che ha recentemente ricevuto un prestigioso riconoscimento dal Financial Times, tra i più antichi e autorevoli giornali finanziari del mondo: con il progetto Milanostanze.it -servizio di affitti in flat sharing- la società fondata da Pierpaolo Zampini e Dario Mortini è nominata nella rosa delle prime 20 realtà immobiliari europee con più alto tasso di crescita nella classifica “FT 1000- Europe’s Fastest Growing Companies” (tra le oltre 50mila in 31 Paesi d’Europa). 

Come funziona

Ecolibera è una casa di nuova concezione che produce energia “a bollette zero”: riscaldamento, condizionamento e acqua calda possono essere generati senza allacciamenti esterni a luce e gas; una pompa di calore con recupero delle calorie prodotte (WMC) e un impianto a ventilazione controllata mantengono la temperatura ideale. Una Wall-box in garage garantisce la ricarica dei veicoli elettrici del nucleo famigliare e una mini-serra a led consente di coltivare in autonomia i prodotti ortofrutticoli tutto l’anno.  

I valori dell’autosufficienza energetica senza allacciamenti alle reti municipali e della rendita garantita sono opzioni che valgono anche per le ville Ecolibera costruite con tecniche bioedili, che offrono altri pregi aggiuntivi. Questa variante del progetto Ecolibera è, infatti, pensata per un pubblico evoluto e attento alla scelta di materiali ecocompatibili al 100% e risponde appieno ai parametri indicati dalla Conferenza internazionale sul clima di Parigi.

Grazie a progettisti e fornitori qualificati nell’applicazione dei più attuali sistemi della bioarchitettura Ecolibera aggiunge tutti i plus per una casa sana e confortevole: le tecniche costruttive in canapa-calce con struttura lignea permettono di assorbire la CO2 e favoriscono il benessere totale degli abitanti.  Le caratteristiche del composto in canapa-calce nei riempimenti di pareti e solette fanno sì che si attivi un processo di carbonizzazione e mineralizzazione che lo rendono simile alla pietra. Appositi sistemi di raccolta dell’acqua piovana e di fitodepurazione completano la versione biocompatibile di Ecolibera. Si ottiene in questo modo il primo edificio completamente integrato e indipendente in grado di garantire anche un involucro edilizio vivo e traspirante, altamente resistente e isolante, riciclabile al 100 per cento, ignifugo e veloce da costruire, certificato CasaClima Gold e LEED. 

Una casa Ecolibera di medie dimensioni (120mq) può costare circa 30mila euro in più rispetto a una casa costruita con metodi tradizionali (la tipologia più diffusa in Italia). Le caratteristiche energetiche sono, però, ideate ad hoc per dare al proprietario la possibilità di ottenere fin dal primo anno le detrazioni fiscali e gli ecobonus consentiti dalla Legge finanziaria in corso e, quindi, di dimezzare i costi. Il risparmio ottenuto con una casa Ecolibera, inoltre, porta in pochi anni ad ammortamento totale la spesa restante sostenuta. Un dato per tutti: in trent’anni si arriva a risparmiare con Ecolibera fino a 45mila euro di corrente elettrica e 75mila euro di gas rispetto ai consumi di un’abitazione a bassa efficienza energetica. Il risparmio complessivo ottenuto supera i 100mila euro. Grazie ai veicoli elettrici e ai sistemi di accumulo domestici, come i Tesla Powerwall 2, è poi possibile ottimizzare con una casa Ecolibera il consumo dell’energia autoprodotta per ottenere un risparmio sui costi della mobilità del nucleo famigliare. Data la tendenza crescente a utilizzare veicoli a motore elettrico, Ecolibera nasce già predisposta per ricaricare totalmente auto, moto e bici elettriche grazie al suo impianto fotovoltaico da 20kWp e all’apposita Wall Box. Il risparmio diretto sale ulteriormente, sommandosi a quelli già citati: percorrendo in media 20mila km l’anno, si arrivano a economizzare altri 35mila euro. Oltre ad abbattere sensibilmente la propria impronta ecologica sul Pianeta (meno emissioni e meno combustibili fossili) e a tutelare il valore investito, una casa Ecolibera garantisce un risparmio totale di almeno 135mila euro rispetto a una casa tradizionale (distribuito in 30 anni).     

L’intera filiera scelta da Ecolibera è sintonica ai principi di riduzione delle emissioni di CO2 e dello spreco energetico, per una visione che punta alla decarbonizzazione dei sistemi costruttivi e abitativi. Ad oggi i fornitori del progetto sono: Accademia della BioArchitettura (consulenza su progetti e componenti eco-compatibili); Casanova (sistemi costruttivi in canapa-calce); Daikin (pompe di calore); EvNow (consulenza automotive elettrica); Global Solar (soluzioni per il risparmio energetico); Mennekes (Wall box); Panasonic e Sunpower (impianti fotovoltaici); Tesla (accumulatori e social media partner) e Tomato Più (miniserre).   

 

Vai al blog
Torna alla homepage

 

Articoli recenti