A Londra Multiply, un padiglione in legno a impatto ambientale zero

Multiply

Si chiama MultiPly, il padiglione modulare in legno a impatto ambientale zero, interamente in tulipier americano, protagonista del London Design Festival, avrà una nuova una casa temporanea a South Crescent in Store Street a Londra, come parte della collaborazione con New London Architecture.

Sei dei 17 moduli della struttura originale di Multiply sono stati spostati dalla loro prima casa al V&A e sono stati ricostruiti davanti al Building Centre per la mostra della NLA “Factory-made Housing: a solution for London?” dal 6 al 21 ottobre. La mostra sarà aperta fino al 18 gennaio 2019.

MultiPly è nato dalla collaborazione tra Waugh Thistleton Architects, American Hardwood Export Council (AHEC) e ARUP, e mostra come la costruzione modulare a strati incrociati in legno di latifoglia americano possa essere una valida soluzione all’attuale crisi immobiliare. La struttura è realizzata con i primi pannelli in legno lamellare (CLT) prodotti nel Regno Unito.

I 13 metricubi di tulipier che compongono questo adattamento di MultiPly immagazzinano l’equivalente di nove tonnellate di anidride carbonica, e vengono sostituiti in due minuti con una crescita naturale nell’intera foresta americana.

La struttura è costituita da una serie labirintica di spazi interconnessi che si sovrappongono e si intrecciano. È stata concepita e costruita per incoraggiare i visitatori a ripensare al modo in cui si progettano e costruiscono le abitazioni e le città.

Il sistema è flessibile, con giunti fabbricati digitalmente. Il padiglione arriva sotto forma di kit con diverse parti che sono state assemblate in modo semplice e silenzioso

Una serie di panche e tavoli, realizzati in tulipier americano modificato termicamente, sono stati posizionati intorno al padiglione. Questo legno è stato modificato mediante riscaldamento controllato, cristallizzando efficacemente il cambiamento del legno e garantendo una maggiore stabilità e durata nel tempo. Il processo modifica l’aspetto del tulipier, dandogli tonalità marroni più profonde e rendendolo adatto ad applicazioni esterne.

MultiPly affronta due delle più grandi sfide dell’epoca attuale – l’urgente bisogno di abitazioni e l’urgenza di combattere il cambiamento climatico, e presenta come soluzione la fusione di sistemi modulari e materiali da costruzione sostenibili.

 

MultiPly sfida anche i preconcetti popolari sull’estetica degli edifici prefabbricati, pur mantenendo le sue caratteristiche essenziali. Non ha un aspetto modulare – quella percezione popolare della stessa vecchia scatola prefabbricata. Ma è comunque possibile smantellarlo e ricostruirlo in un’altra forma.

Per tenere il passo con la crescita della popolazione e far fronte ad anni di offerta insufficiente, ogni anno nel Regno Unito dovrebbero essere costruite circa 250.000 nuove case. Nel 2016/17, nel Regno Unito sono state costruite 184.000 nuove case, con un deficit di circa 66.000 case. Per aumentare l’offerta e per soddisfare la domanda, dobbiamo cambiare il nostro modo di pensare e costruire.

Il tulipier proviene dagli Stati Uniti orientali, dove la superficie delle foreste di legno di latifoglia si espande, al minuto, quanto un campo da calcio, e supera già i 110 milioni di ettari, equivalenti all’area combinata di Francia e Spagna. Questo rende il materiale sostenibile e rispettoso dell’ambiente, soprattutto perché è uno dei legni di latifoglia americani più abbondanti, che rappresenta il 7,7% del volume totale delle foreste di latifoglie americane. Ogni anno, anche dopo la raccolta, il volume del tulipier nella foresta statunitense cresce di 19 milioni di metri cubi, l’equivalente di oltre 19 piscine olimpiche al giorno.

 

MultiPly utilizza una tecnica di ingegneria per il legno nota come laminazione incrociata, in cui le tavole di legno vengono posate perpendicolarmente l’una all’altra e incollate insieme per formare pannelli molto robusti, rigidi e stabili.

Il CLT è stato tradizionalmente realizzato con alberi di conifere. Tuttavia, insieme ad Arup, AHEC ha sperimentato nell’ultimo decennio il CLT prodotto con il tulipier americano di rapida crescita.

Le ricerche e i progetti intrapresi hanno dimostrato che a parità di peso, il tulipier CLT è più resistente dell’acciaio e del calcestruzzo e può essere lavorato con tolleranze incredibilmente elevate. Questo lo rende ideale per la prefabbricazione e il montaggio rapido, riducendo i tempi di costruzione di circa il 30%. Il tulipier è un legno di latifoglia economico e facile da lavorare, incredibilmente resistente per il suo peso.

L’uso del tulipier CLT dimostra che le grandi costruzioni in legno possono essere costruite senza l’uso di cemento o acciaio. Queste proprietà, insieme al suo aspetto simile al marmo, fanno del tulipier un perfetto pioniere del legno di latifoglia per le costruzioni in legno innovative.

Le tavole di tulipier sono importate dagli Stati Uniti, ma i pannelli per MultiPly sono stati prodotti nel Construction Scotland Innovation Centre (CSIC), la prima fabbrica di CLT del Regno Unito. MultiPly è la prima struttura realizzata in CLT prodotto nel Regno Unito.

 

               

 

 

 

Vai al blog
Torna alla homepage

 

Articoli recenti