Tiro a segno a Milano: avviati i lavori, diventerà il Consolato americano

Tiro a segno

L’ex tiro a segno a Milano diventerà il Consolato: sono partiti i lavori di recupero della struttura.

Progettata nel 1906 da Silvio Gariboldi, la palazzina del tiro a segno,  da decenni, in stato di abbandono. La proprietà è stata acquisita dagli Usa, che vi realizzeranno la nuova sede del Consolato. I lavori dureranno circa 18 mesi.

Il primo intervento riguarda il restauro delle facciate e della copertura: il progetto, interamente finanziato dagli Usa, prevede il mantenimento del disegno storico originale.

Il tiro a segno, che risale al 1906, fu risparmiato dai bombardamenti durante la Seconda guerra mondiale. Nel secondo Dopoguerra ospitò diverse competizioni anche internazionali, prima di una ristrutturazione che, anche per questioni di sicurezza, allontanò l’area del poligono da piazzale Accursio.

L’intero complesso nel 1985 fu riconosciuto come monumento storico e inserito nella Tutela dei Beni Monumentali. Tuttavia la struttura, costituita dalle due palazzine congiunte in stile liberty e dal fabbricato di tiro con capriate lignee, venne progressivamente abbandonata nel degrado.

A cinque anni dall’acquisto da parte degli Usa il progetto di riqualificazione è  stato avviato.

Il progetto dell’ex tiro a segno, curato dagli studi di architettura Genius Loci Architettura di Milano e RTKL di Washington D.C., prevede che gli edifici storici (dietro i quali sorgerà un nuovo edificio che sarà la sede consolare vera e propria, attualmente in zona Turati), diventeranno delle gallerie espositive.

 

 

Vai al blog
Torna alla homepage

 

Articoli recenti